Tetraplegico per ritardo diagnosi, per la Cassazione il risarcimento va aumentato: un milione non basta

Per i supremi giudici la quantificazione dei danni deve avvenire seguendo le tabelle del distretto giudiziario più aggiornate e favorevoli al paziente.

Era diventato tetraplegico a causa di un ritardo nella diagnosi di un’ernia cervicale e per questo il Tribunale aveva riconosciuto al paziente a alla famiglia un risarcimento di circa 500mila euro, risarcimento che la Corte d’ Appello aveva aumentato a un milione. Ma la Cassazione ha deciso che l’uomo, un ingegnere del Bellunese, per il grave danno debba avere un riconoscimento maggiore, seguendo non le tabelle del distretto giudiziario di Venezia, bensì quelle più aggiornate in uso a Milano.

L’odissea per l’uomo iniziò nel 2001, quando fu ricoverato d’urgenza in ospedale a Belluno a causa di un’emiparesi che gli impediva di camminare. La situazione non migliorò, per questo dopo molte ore i medici decisero di inviare il paziente a Verona dove gli fu diagnosticato una paraplegia agli arti superiori. Soltanto il giorno seguente l’ingegnere fu sottoposto a un intervento chirurgico per l’asportazione dell’ernia: l’uomo, purtroppo, che perse l’uso delle gambe e braccia, riportò un danno biologico permanente del 90%, con un’invalidità civile del 100%.

L’azienda sanitaria fu condannata per “condotta di malpractice medico-chirurgica”, con risarcimenti complessivi che, nel corso degli anni, non hanno superato mai il milione di euro. Fino alla decisione della Cassazione che ha ordinato un aumento dell’indennizzo visto anche “i danni morali intesi come patemi d’animo conseguenti alla lesione gravissima del bene della salute e della dignità personale.

Dario Bedussa – Bedussa & Partners – Risarcimenti Danni dalle Assicurazioni 

Posted in Risarcimento Assicurazioni and tagged , , , .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *